Cosa direbbe Greta del vostro spazio verde?

Oggi vogliamo soffermarci a pensare alle nostre abitudini legate al mondo del giardinaggio: quanto sono sostenibili? Cosa possiamo fare per cambiarle e praticare una gestione che sia più naturale?

Oggigiorno l’attenzione all’ambiente e alla sostenibilità è un comportamento fondamentale che tutti dovremmo adottare: iniziando a svolgere le nostre attività nel modo più naturale possibile, cercando di assumere atteggiamenti che, nel nostro piccolo, possono fare la differenza.

Possiamo dare il nostro contributo ed avere rispetto per l’ambiente anche attraverso il nostro giardino o il nostro terrazzo!

Ci piacerebbe quindi darvi alcuni suggerimenti e consigli da adottare durante l’attività di giardinaggio, per unire l’utile al dilettevole.

Piante autoctone. Alla base del giardinaggio sostenibile c’è una scelta corretta delle essenze da coltivare.  L’utilizzo di piante autoctone (originarie del luogo) o naturalizzate, ovvero, piante che sono già adattate alle condizioni climatiche locali, vi assicurerà minor utilizzo di acqua e di fertilizzante, oltre ad una maggior resistenza alle malattie.

È importante che la pianta sia posizionata nelle migliori condizioni possibili, valutando il terreno, il clima, l’orientamento del giardino e la vicinanza alle altre piante (non tutte le piante amano la compagnia!)

Stop alle sostanze chimiche.  Insetticidi, fungicidi e fertilizzanti chimici possono essere eliminati e, con loro, le sostanze inquinanti tossiche. Queste, infatti, uccidono anche gli insetti utili, privandoci di un alleato importantissimo nella lotta contro i patogeni. Le coccinelle, ad esempio, sono vitali nella lotta contro gli afidi e le cocciniglie.  Praticando un giardinaggio sostenibile, manteniamo la biodiversità, garantendo il giusto equilibrio naturale. Ma parliamo anche di piccoli mammiferi, anfibi ed uccelli, anch’essi utili nella lotta biologica:  la fauna selvatica di piccole dimensioni, composta da rane, rospi, ricci, uccelli insettivori, pipistrelli,  può essere di grande aiuto sia nel giardino che nell’orto. Rane, rospi e ricci, durante le loro escursioni notturne, si cibano di limacce e chiocciole, ma anche di coleotteri come il dannosissimo oziorinco, larve e diverse specie di vermi.  Gli uccelli insettivori, come le cinciallegre e i pettirossi, sono ghiotti di bruchi e afidi verdi. Anche gli uccelli granivori come i passeri, hanno bisogno di insetti per nutrire i piccoli. I tordi si cibano di lumache. I pipistrelli, includono nella dieta le odiate zanzare. Coltivare molte specie diverse di piante, consentirà ad altrettanti animali di trovare un ambiente adatto per vivere.  Potrete inoltre inserire arbusti da bacca e mantenere alcuni cespugli fitti, alberi cavi, e muri ricoperti di edera. Potrete mettere a disposizione cibo per uccelli e magari, delle casette per invogliarli a fare il nido nel vostro giardino. Anche l’acqua è importante, una piccolo stagno,  sarà molto gradito da uccelli rane e rospi. Mettete delle erbecee alte al lato della pozza, affinché i piccoli anfibi possano nascondersi. Vedrete che il vostro spazio verde col tempo si popolerà piacevolmente.

Per quel che riguarda i fertilizzanti, si possono creare composti naturali al 100% con gli scarti della cucina. Facendo compostaggio domestico, non solo le vostre piante saranno fertilizzate e nutrite, ma eviterete di disperdete nell’ambiente i rifiuti organici.

Risparmio idrico.  L’acqua, bene prezioso, è una risorsa limitata. Utilizzarla con parsimonia rientra nelle azioni da svolgere per effettuare un giardinaggio sostenibile. Se possibile, cercate di usare dei sistemi che sfruttino la raccolta dell’acqua piovana per annaffiare. L’acqua così raccolta è ideale anche per le piante da interno.  Recuperare l’acqua piovana non solo vi consentirà di non sprecare altra acqua, ma vi permetterà di risparmiare qualcosa sui vostri consumi domestici!

Se ne avete la possibilità, inserite nel vostro giardino una cisterna per la raccolta dell’acqua, un modo non costoso ma molto utile per immagazzinare acqua ricca di minerali e priva di cloro. Inoltre potrete così contribuire alla riduzione dei danni causati dai temporali di forte intensità.

Come dicevamo prima, ogni piccolo contributo è utile e può fare la differenza!

Se non disponete degli spazi e delle possibilità per sistemi di questo tipo, disponete delle bacinelle sul terrazzo nei giorni di pioggia forte. Poco acqua recuperata è sempre meglio di niente!

Un altro modo per risparmiare l’acqua è aggiungere pacciame e compost al terreno, alla base della pianta: questo aiuterà a trattenere l’acqua riducendone l’evaporazione.

Infine, è buona abitudine innaffiare al mattino presto, così che l’acqua evapori meno velocemente.

Spazio agli impollinatori. Le api e gli altri insetti impollinatori giocano un ruolo essenziale negli ecosistemi. Un terzo del nostro cibo dipende, infatti, dalla loro opera di impollinazione.

Se questi insetti sparissero, l’impatto sulla produzione alimentare sarebbe devastante.

Nel nostro piccolo, oltre a non utilizzare pesticidi pericolosi per le api e per gli altri insetti impollinatori, possiamo preoccuparci di creare spazi verdi che possano attrarli e tutelarli. Il suggerimento è quello di coltivare una grande varietà di piante e di fiori locali, tra quelli più graditi per questi insetti, borragine, rosmarino, timo, lavanda, malva, tagete. Lo sapevate che un giardino con 10 o più specie di piante variopinte può attrarre facilmente un elevato numero di api?!

Riciclare. Non solo i rifiuti organici per il compost, ma anche attrezzi di giardinaggio, vasi e fioriere che potete trovare in qualche mercato vintage o di seconda mano. Perché non riutilizzarle?

Così come contenitori alimentari, vecchi pallet, ruote di automobili dismesse e chi più ne ha più ne metta: su internet è pieno di consigli e suggestioni per riciclare creativamente oggetti vecchi e in disuso! Se siete persone creative potrete divertirvi ad arricchire il vostro giardino o terrazzo con complementi creati da voi stessi! Via libera alla fantasia!

Buon Giardinaggio Sostenibile!