Il colore è uno strumento potente nella progettazione di giardini e terrazzi, che influenza i nostri sensi ed il modo in cui interagiamo con l’ambiente.

Istintivamente di fronte a colori caldi come il rosso proviamo sensazioni di vitalità, energia; viceversa di fronte a colori freddi come gli azzurri proviamo sensazioni di calma.

Colori caldi e colori freddi. I colori che accostiamo alla sensazione di caldo sono quelli che ricordano il sole, il fuoco, vice versa i colori che richiamano acqua o ghiaccio rievocano sensazioni di freddo.

È interessante sapere che dal punto di vista prospettico i colori caldi tendono ad avvicinare, riducendo lo spazio, mentre quelli freddi ad allontanare, ampliandolo. Così come i colori scuri riducono lo spazio percepito mentre quelli chiari lo ampliano illuminandolo.

Quando si progetta un giardino è importante considerare il contesto in cui esso è inserito:

  • In una zona mediterranea, sottoposta all’intensa luce del sole, sotto un cielo di un azzurro violento lo schema cromatico del giardino dovrà essere altrettanto forte e deciso.Vuoi provare un Callistemon dalle infioresenze di un rosso vivo?
  • In un ambiente di collina o di pianura dove il clima è spesso nebbioso ed il cielo velato, il giardino trarrà vantaggio dal verde, che brillerà nella luce fredda e grigia, insieme al bianco e ai colori pastello, che per contrasto ergeranno luminosi.
  • Un giardino di città, chiuso entro la cornice grigia dei muri e dell’asfalto, potrà permettersi tinte brillanti e qualche concessione esotica, nella scelta delle specie, come la Sterlizia.
  • Un giardino in campagna dovrebbe essere il più possibile in sintonia con il paesaggio circostante, sia nella scelta dei colori che delle singole componenti vegetali.

Oltre al contesto, è importante confrontarsi con le dimensioni a disposizione: se la superficie è ridotta, è meglio evitare troppi colori che finirebbero per trasmettere un senso di confusione. Meglio utilizzare tonalità pastello, in grado di dilatare lo spazio. Se proprio si vogliono inserire tanti colori, il consiglio è di farlo in piccoli tocchi su uno sfondo uniforme.

Anche l’esposizione ha un’importante ruolo nella scelta cromatica: nella luce vivida del sole, che tende a velare tutti i colori di giallo, possiamo osare con colori più forti e vividi, mentre, in un angolo ombroso, sono appropriati  fiori bianchi o dalle tinte delicate o fogliame dalle candide variegature.

Mescolare nel modo giusto i colori, ottenendo armonie o contrasti, permette di ottenere risultati visivi sorprendenti, ma per poterlo fare nel modo corretto occorre conoscere alcuni semplici trucchi sugli schemi di colore.

Schema monocromatico. Questo è lo schema più semplice da realizzare, ma se replicato su vasta superficie può risultar noioso. Si crea utilizzando lo stesso colore, abbinando le sue differenti gradazioni fra di loro per creare un effetto modulare (ad esempio, in un giardino dove sceglierò di utilizzare il fucsia, potrò avere anche dei punti di rosa chiaro e dei punti di magenta molto scuro).

Schema policromatico. In questo caso ci sono due strade che si possono seguire: quella dell’armonia o quella del contrasto.

La composizione armonica viene creata accostando colori affini, che contengo cioè lo stesso pigmento, colori che si trovano contigui nella ruota dei colori: si armonizzano bene tra di loro e creano un senso di ordine.

La schema in contrasto, invece, è composto dai cosiddetti colori complementari, che nella ruota cromatica si contrappongono. Ad esempio giallo con viola o blu con arancio. Ne deriva una composizione vivace e allegra. Consigliamo però di non abusarne perché a lungo andare può stancare la vista.

Da non dimenticare il verde, sempre presente negli schemi. Questo infatti presenta molteplici gradazioni, dal verde scuro intenso dell’agrifoglio a quello grigiastro della salvia. Ricordiamoci quindi che anche i verdi hanno un ruolo importante nella creazione degli accostamenti!

Nel creare combinazioni cromatiche è poi fondamentale il vostro gusto personale: siete voi che vivrete e godrete di questo spazio, giardino o terrazzo che sia: lasciatevi quindi influenzare anche da quelle che sono le vostre preferenze, per ottenere maggiore soddisfazione da quello che sarà il risultato finale.

Se il vostro giardino o terrazzo è attiguo ad un ambiente domestico, si può scegliere di richiamare i colori degli arredi degli interni, per creare armonia e sinergia tra i due spazi interno ed esterno.

Quello che vi consigliamo è quindi di munirvi di cerchio cromatico e del vostro gusto per sbizzarrirvi e dare vita ad un angolo colorato su misura per voi!

Se invece preferite affidarvi a degli esperti non esitate a contattarci! Nel frattempo…buona creazione!

Somewhere over the rainbow…!