Disconnect to Reconnect

DISCONNECT TO RECONNECT

Giardino Disconnect to Reconnect in concorso ad Orticolario 2016 e vincitore di due prestigiosi premi: il Premio Giuria Popolare e del Premio Essenza. Realizzato nel 2016.
Progettista: Maria Sole;
Collaboratore: Oscar Aciar;
Fornitura Piante: Vivaio Palmieri (MB).

CURIOSITÀ

Tutto è iniziato  Venerdì  30 settembre alle ore 15 sotto il romantico bersò di Villa Erba a Cernobbio. Qui infatti si è svolta l’assegnazione dei premi  per i giardini partecipanti al Concorso I Giardini Creativi di Orticolario 2016. Una giuria internazionale di esperti, si è pronunciata dopo aver visitato gli otto giardini in gara.

Disconnect to Reconnect by Verde Passione vince il Premio Essenza per la miglior composizione delle essenze arboree, per l’adeguatezza dell’abbinamento e per la ricerca di varietà anche nuove. Ospite della manifestazione il noto paesaggista Spagnolo Fernando Caruncho.

A distanza di pochi giorni arriva il secondo verdetto:Verde Passione vince il premio Giuria Popolare, il premio per il giardino più votato dai visitatori di orticolario 2016.

Disconnect to Reconnect Portfolio Immagine 1
Disconnect to Reconnect Portfolio Immagine 2

DESCRIZIONE

Al di là del muro, ci accoglie una vegetazione lussureggiante, dal fascino esotico. Ampie fronde morbide sembrano quasi sfiorarci. La natura ci avvolge, ci abbraccia, ci parla. Tra le sue fitte trame, trova rifugio l’anemone. Le sue candide corolle, emergono nitide e delicate. La loro purezza simboleggia l’inizio dell’indagine interiore. Il dolce mormorio dell’acqua, amplifica la sensazione di quiete e leggerezza. Una figura dai tratti umani, danza felice al ritmo dei suoni della natura. Così vestita di foglie si fa espressione di una profonda simbiosi uomo-natura. Sotto i suoi piedi, si riflette come in uno specchio l’immagine di questa metamorfosi. Ampie sedute invitano al riposo, a godere di questa esperienza sensoriale. La mente si rilassa, lo spazio ed il tempo sembrano dilatarsi. Chiudiamo gli occhi e ci lasciamo andare a questa sensazione di serenità.

IL TEAM

Progettista: Maria Sole del Tomba;
Collaboratori:
Oscar Aciar;
Bruno Valsecchi;
Foto: Luigi Fieni.

Disconnect to Reconnect Immagine Modificata 5

RENDERING DEL PROGETTO

Disconnect to Reconnect Portfolio Immagine 3

FOTO DEL PROGETTO

COS’È L’ORTICOLARIO

COS’È L’ORTICOLARIO

Verde Passione fu tra gli otto finalisti al concorso “I Giardini Creativi” all’interno di Orticolario Edizione 2016: rassegna internazionale sul “Giardinaggio Evoluto” che si è tenuta dal 30/09 al 2/10 presso Villa Erba a Cernobbio, sul Lago di Como.

PER SAPERNE DI PIÙ SU ORTICOLARIO

www.orticolario.it

L’evento richiama fino a 30.000 appassionati del verde provenienti dall’Italia e dall’estero. Raccoglie artisti, vivaisti e progettisti, proponendo un’esposizione di fiori, piante rare, utensili, arredi, oggetti d’arte ed un concorso internazionale per la creazione di Giardini Creativi.

IL TEMA DEL CONCORSO GIARDINI CREATIVI : “SESTO SENSO”

Il fil rouge di questa edizione è il Sesto Senso: un senso profondo presente in ogni uomo, che vive e si espande oltre la percezione dei fenomeni fisici, grazie al quale si sente la forza vitale della natura, che circonda e coinvolge, seduce e regala piacere. Ecco la magia che risveglia le emozioni ed invita ad ascoltarle, che conduce verso un dialogo fra uomo e natura, alla scoperta di nuovo linguaggio, per una maggior consapevolezza verso ciò che il mondo vegetale è, e rappresenta. Il fiore dell’anno del concorso è l’Anemone.

DISCONNECT TO RECONNECT

Al termine di una lunga selezione, 8 sono stati i giardini selezionati a presentare la propria interpretazione del tema. Tra questi anche quello di Verde Passione, che ha in seguito vinto il concorso.

Con “Disconnect to Reconnect”, Verde Passione, presentò il Sesto Senso, interpretato come il nostro aspetto più intimo, sede delle più sincere emozioni. La sua ricerca prevede un duplice passaggio: il distacco o “disconnessione” dal mondo caotico e virtuale nel quale siamo sempre più confinati, per trovare rifugio, seppur temporaneo, in un luogo naturale e di quiete nel quale “riconnetterci” con noi stessi… e con gli altri!

“Celata dietro ad un ampio muro, barriera tra noi ed il nostro io, la natura si mostra nella sua forma più seducente: fogliame esotico e lussureggiante, fronde morbide, colori insoliti. Il mormorio dell’acqua emerge da questa vegetazione ombrofila, naturale rifugio per le candide e delicate anemoni.
Lontani dal caos quotidiano ed immersi nella natura, qui viviamo quell’ esperienza sensoriale che conduce alla dimensione più profonda di noi stessi: il sesto senso”.